Passo Volaia/Wolayer Pass

Escursionisti Appassionati di storia e di turismo della memoria Gruppi organizzati
Impegnativa | 4 h

Il Passo Volaia/Wolayer Pass si trova sul confine tra Italia e Austria, nella parte occidentale delle Alpi Carniche. Nelle vicinanze, oltre al lago glaciale Volaia/Wolayer See immediatamente sotto al passo, troviamo anche i monti Capolago/Wolayer Seekopf e Coglians/Hohe Warte; quest’ultimo, con i suoi 2780 metri, è il monte più alto del Friuli Venezia Giulia.
Durante la Grande Guerra si contesero queste posizioni sia l’esercito austro-ungarico che quello italiano. L’esercito imperiale le occupò il 23 maggio 1915, ma gli italiani le riconquistarono già subito dopo la prima settimana di guerra e vi rimasero fino all’ottobre 1917, quando, dopo la Dodicesima Battaglia dell’Isonzo, la linea del fronte si spostò sul Piave.
I soldati italiani costruirono nell’area dal Capolago al Coglians, come difesa da una possibile avanzata nemica, un esteso sistema di trincee e posizioni d’artiglieria e per mitragliatrici, di importanza strategica. Queste sono state restaurate qualche anno fa e oggi ricordano come monito agli escursionisti di passaggio gli avvenimenti di un secolo abbondante fa. Sulla strada ci accompagnano anche i resti di baracche militari.
Quando lasciamo, sotto al passo, la trincea restaurata, possiamo incamminarci verso il rifugio Pichl/Wolayerseehütte lungo la sponda sinistra o destra del lago. Sopra al rifugio, sulla cima rocciosa del Frauenhügel si trova il monumento ai volontari carinziani. Il monumento, formato da una torre squadrata di pietra posta su un piedistallo a forma di piramide a gradoni, è molto semplice, fatta eccezione per una piccola scultura che rappresenta due cappelli da alpino incrociati, una fune, una piccozza e un cannone da montagna. Da qui la vista si apre ulteriormente sulle cime del Sasso Nero, del Monte Volaia e del Biegenköpfe.

Foto: PromoTurismoFVG

Accesso e informazioni utili

Accesso

Raggiungere in auto da Collina (frazione di Forni Avoltri) il Rifugio Tolazzi (1350 m). Alle spalle del Rifugio, proseguendo a piedi, parte la vecchia strada militare che con ampi tornanti a pendenza moderata porta in dieci minuti al bivio in cui iniziano i sentieri CAI 143 e CAI 144. Si svolta a sinistra su quest’ultimo e all’ombra di un fitto bosco, si sale verso il Passo Volaia/Wolayer Pass.

Informazioni

Associazione turistica Pro-Forni Avoltri
Corso Italia, 4
I-33020 Forni Avoltri (UD)
+39 0433 72202
infoforniavoltri@libero.it

Tolmezzo Infopoint
Via della Vittoria, 4
I-33028 Tolmezzo (UD)
+39 0433 44898
info.tolmezzo@turismo.fvg.it

Escursionisti Appassionati di storia e di turismo della memoria Gruppi organizzati
Impegnativa | 4 h

Durata della visita

4 h

Coordinate GPS

46.609032, 12.86778

Altitudine

1973 m

Periodo consigliato

maggio‒ottobre

Equipaggiamento

Scarpe e abbigliamento da trekking, cibo e bevande al sacco, torcia elettrica, bastoni da trekking

Materiali promozionali

Interreg