Posizioni fortificate

Escursionisti Ciclisti Appassionati di storia e di turismo della memoria
Facile | 30 min

Durante la Grande Guerra l’armata italiana costruì ai margini orientali dell’abitato di Jevšček (Iuscecco) postazioni fortificate, protette da filo spinato, che nel 2017 sono state in parte ricostruite dagli abitanti dal paese. Il 25 ottobre 1917 Erwin Rommel con la sua squadra d’attacco nottetempo aggredì le postazioni italiane e trascorse la notte nelle immediate vicinanze del 14° Reggimento Bersaglieri della 4a Brigata. Alle prime luci dell’alba attaccò le postazioni al di sopra del paese e da qui proseguì alla conquista del Monte Matajur. La cima fu presa quello stesso giorno alle 11.40.0

Foto: Famiglia Šekli

 

Accesso e informazioni utili

Accesso

A Livek seguire le indicazioni per Matajur. Da Livek a Jevšček ci sono 3 chilometri. Una volta usciti dal paese inizia la strada in salita, al primo bivio girare a sinistra per Jevšček. Seguire la strada fino al villaggio. Le postazioni fortificate si trovano sotto la Nježna hiša.

Informazioni

Stanislav Šekli
Jevšček 5
SI‒5222 Kobarid
info@rommel-isonzo.com

Escursionisti Ciclisti Appassionati di storia e di turismo della memoria
Facile | 30 min

Durata della visita

30 min

Coordinate GPS

46.189929, 13.579536

Altitudine

796 m

Periodo consigliato

marzo‒novembre

Equipaggiamento

Scarpe da trekking

Materiali promozionali

Interreg