Museo all’aperto Vodice

Escursionisti Ciclisti Famiglie Appassionati di storia e di turismo della memoria Gruppi organizzati
Facile | 3.30 h

Vodice, cima sul lato sud-occidentale dell’altopiano di Banjšice (Bainsizza), offre al visitatore una veduta verso i vicini monte Sveta Gora (Monte Santo) e monte Sabotin/Sabotino arrivando poi sino al mare. Il museo all’aperto è percorso da un sentiero circolare segnalato, che passa davanti al mausoleo al generale Maurizio Farrante Gonzaga, al monumento ai battaglioni alpini di Monte Levana, Aosta e Val Toce, che il 18 maggio 1917 occuparono la parte nord-occidentale di Vodice, caverne a più piani e molte trincee conservate.

Il 12 maggio 1917 l’esercito italiano intraprese la Decima Battaglia dell’Isonzo. I bombardamenti con granate a gas e incendiarie furono indirizzati verso le postazioni austro-ungariche nell’area Zagora–Paljevo–Plave–Globno, più intensamente però verso Prižnica (quota 383). Il 14 maggio 1917 le unità di fanteria italiane del 2° Corpo d’armata sotto il comando del generale Badoglio conquistarono gradualmente Zagora, Zagomila, Kuk e Košutnik. Il 18 maggio occuparono anche Prižnica e la cima delle Vodice, più tardi anche la sua cresta sud-orientale sino alla sella Preški vrh. Da lì gli italiani potevano osservare il bacino di Grgar (Gargaro), dove c’era un importante centro di rifornimento e di raccolta delle riserve austro-ungariche. La cresta di Vodice nei mesi successivi divenne scenario di sanguinosi combattimenti, ma senza particolari successi e con numerose vittime su entrambi i fronti. I soldati austro-ungarici, di fronte all’insostenibile pressione dell’undicesima offensiva italiana, si spostarono da queste postazioni nella notte del 24 agosto 1917 occupando nuove posizioni di difesa nell’altopiano di Banjšice.

Foto: (1) Matevž Lenarčič, Fundacija Poti miru; (2, 3, 5, 6) Schirra/Giraldi, PromoTurismoFVG; (4) Fundacija Poti miru

 

Accesso e informazioni utili

Accesso

Dopo Plave proseguire per la strada in direzione Nova Gorica, alla fine della piana svoltare a sinistra per Zagora e Zagomila. Dopo Zagomila la strada in asfalto continua in strada sterrata. Al bivio successivo proseguire dritti per la strada fino alla sella tra il Sveta Gora (Monte Santo) e Vodice. Qui svoltare a sinistra per giungere, poco dopo, nell’area del Museo all’aperto Vodice.

È possibile accedervi anche da Sveta Gora – dal parcheggio sottostante svoltare a sinistra su una strada sterrata, che porta fino alla sella, dove svoltare a destra, poco dopo si giunge al parcheggio di Vodice.

Si raccomanda, comunque, di raggiungere Vodice a piedi, partedno dalla direzione Sveta Gora.

Informazioni

Center za obiskovalce Pot miru, Kobarid

(Centro visitatori “Walk of Peace”, Kobarid)

Gregorčičeva ulica 8

SI–5222 Kobarid

+386 5 389 0167, +386 31 586 296

turizem@potmiru.si, info.italy@thewalkofpeace.com

www.thewalkofpeace.com

 

TIC Kanal

Pionirska ulica 2

SI–5213 Kanal

+386 5 398 12 13

tic.kanal@siol.net

www.tic-kanal.si

 

TIC Nova Gorica

Kidričeva ulica 11

SI‒5000 Nova Gorica
+386 5 330 46 00, +386 41 460 217
nova-gorica@vipavskadolina.si

www.vipavskadolina.si

Escursionisti Ciclisti Famiglie Appassionati di storia e di turismo della memoria Gruppi organizzati
Facile | 3.30 h

Durata della visita

3.30 h

Coordinate GPS

46.015271, 13.634591

Altitudine

651 m

Periodo consigliato

gennaio‒dicembre

Equipaggiamento

Scarpe e abbigliamento da trekking, cibo e bevande al sacco, torcia elettrica, bastoni da trekking

Materiali promozionali

Interreg