Cimitero militare austro-ungarico di Grgar

Escursionisti Ciclisti Appassionati di storia e di turismo della memoria
30 min

Accanto al cimitero civile ed alla chiesa di S. Pietro a Grgar c’è anche il cimitero militare. In esso sono sepolti soldati e ufficiali austro-ungarici che nel corso della Grande Guerra caddero sul territorio tra Plave e Sveta Gora (Monte Santo). I soldati caduti vennero dapprima sepolti nella zona del cimitero dedicata ai civili, a causa del gran numero di sepolture di soldati il cimitero venne ampliato aggiungendovi una zona militare separata. Secondo i dati delle autorità italiane, che negli anni Trenta si occuparono dello scavo dei cimiteri, qui vennero sepolti 1371 soldati.

Il cimitero ha un monumento comune con la scritta “Das Vaterland seinen Helden” (La patria ai suoi eroi), collocato all’entrata del cimitero. Dopo la ristrutturazione nel 1979 le singole croci tombali furono spostate e fissate al muro di sostegno della strada di accesso. Le tombe rimanenti, restaurate, rimasero nelle locazioni originarie.

Elenchi dei soldati caduti

Foto: Fundacija Poti miru

Accesso e informazioni utili

Accesso

Il cimitero militare di Grgar si trova accanto al cimitero civile, al confine settentrionale del paese di Grgar. L’accesso più facile al cimitero è dalla direzione di Nova Gorica verso Grgar. Dopo aver raggiunto Grgar, seguite i segnali stradali per il paese di Bitež. Ai margini del paese vedrete sulla destra un cimitero civile con la chiesa di S. Pietro, di fronte alla quale si trova un piccolo spiazzo erboso su cui si trova il cimitero militare.

Informazioni

Center za obiskovalce Pot miru, Kobarid

(Centro visitatori “Walk of Peace”, Kobarid)

Gregorčičeva ulica 8

SI–5222 Kobarid

+386 5 389 0167, +386 31 586 296

turizem@potmiru.si, info.italy@thewalkofpeace.com

www.thewalkofpeace.com

Escursionisti Ciclisti Appassionati di storia e di turismo della memoria
30 min

Durata della visita

30 min

Coordinate GPS

46.004145, 13.673108

Periodo consigliato

gennaio‒dicembre

Materiali promozionali

Interreg